LO YOGA PER CURARE LA SINDROME PREMESTRUALE

CICLO DOLOROSO: L’IMPORTANZA DELLA RELAZIONE TERAPISTA-PAZIENTE
31 Luglio 2017
Martina B. – 25 anni – studentessa
29 Settembre 2018
Show all

LO YOGA PER CURARE LA SINDROME PREMESTRUALE

Questo articolo vuole dimostrare come una quotidiana pratica yoga permette di ridurre la sintomatologia dolorosa del ciclo mestruale.

La sindrome premestruale

la sindrome premestruale è un disturbo comune durante il periodo del ciclo mestruale  femmine. Le donne con sindrome premestruale spesso riferiscono sintomi psicologici, come irritabilità, e fisici, come mal di testa e mal di schiena.

Queste donne segnalano una qualità di vita professionale più bassa con uno stato depressivo e maggiori problematiche psichiche connesse.

I sintomi mestruali possono avere un impatto significativo sulla la qualità della vita delle donne colpite, interferendo con la scuola, l’occupazione, le relazioni interpersonali, la famiglia, la vita sociale, e portando ad un aumento delle spese sanitarie e una riduzione della produttività sul lavoro fino all’assenza da esso.

Le donne lavoratrici con sindrome premestruale riferiscono minor soddisfazione nella carriera e nello stato di benessere quotidiano con problemi di gestione degli impegni familiari e più stress sul posto di lavoro; sono meno coinvolte nelle decisioni che interessano il lavoro, insomma sono meno felici sulle loro condizioni lavorative.

Tutte le donne, senza distinzione di razza, età o status socio-economico, hanno sperimentato il disagio durante il periodo del ciclo mestruale. Di solito le donne che soffrono di sindrome premestruale usano come sola terapia impacchi di calore sull’addome con riposo a letto e antidolorifici; metodi, che alleviano semplicemente i sintomi senza dare una vera e propria soluzione al problema.

L’esercizio fisico

L’esercizio fisico è comunemente indicato come un rimedio per la sindrome premestruale.

Studi dimostrano come l’esercizio aerobico aumenta il numero di emoglobina, ematocrito, conta dei globuli rossi e delle piastrine, e diminuisce i livelli di prolattina, estradiolo, progesterone,dando come risultante il miglioramento della fatica, della difficoltà di concentrazione, della confusione, e molti altri sintomi premestruali. L’esercizio fisico riduce efficacemente i sintomi della sindrome premestruale e può essere usato come trattamento dei sintomi, inoltre è considerato una terapia per migliorare e mantenere la salute fisica ed emotiva.

La pratica yoga: gli studi scientifici

A questo proposito lo yoga risulta molto efficace nel migliorare la salute fisica e mentale da parte dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e il sistema nervoso simpatico e sta diventato una pratica sempre più popolare tra le persone che soffrono di dolori durante il ciclo mestruale.

Uno studio effettuato in india ha dimostrato che praticare Yoga ha riportato riequilibrio e benessere nelle donne che soffrono di squilibri ormonali. Di particolare effetto si sono dimostrate posizioni yoga come, il cobra, gatto, cane a testa in giù, la panca e la posizione del bambino riducendo la gravità dei sintomi e la durata della dismenorrea primaria.

In un altro studio è dimostrato che anche con solo un programma di yoga su DVD si è dimostrato efficace nel ridurre il dolore mestruale e migliorare la salute generale delle donne che lo hanno praticato. Lo yoga è una pratica che impegna mente e corpo con origini storiche nell’antica filosofia indiana. E’ sufficiente effettuare pratica yoga 2 volte la settimana con sessioni di 50 minuti l’una suddivise da un esercizi di respirazione da 5 minuti, 35 minuti di yoga guidato dall’insegnante, e 10 minuti di meditazione/rilassamento da supini.

Le posizioni yoga

Lo yoga viene in genere eseguito lentamente, in modo rilassato, con la consapevolezza del proprio corpo e la respirazione. Per raccogliere i veri benefici dalla pratica dello yoga, si deve padroneggiare respiro. Le posizioni effettuate tonificano e rendono elastici i muscoli addominali, del collo e della schiena, e aiutano a mantenere la flessibilità della colonna vertebrale; questo risulta particolarmente utile per le persone con schiene rigide.

  • bambino allunga la parte bassa della schiena e fianchi, e aiuta ad alleviare lo stress, diminuire il mal di schiena, stanchezza, e gonfiore.
  • cane con la testa in giù fortifica spalle, addome e muscoli quadricipiti e le caviglie, rilassando le spalle, muscoli posteriori della coscia, fino al torace.
  • panca rinforza braccia, polsi e muscolatura della colonna vertebrale.
  • cobra allunga i muscoli del torace, degli addominali e mantiene la flessibilità della colonna vertebrale.

La lezione termina con la meditazione in posizione supina dove bisogna tenere gli occhi chiusi e tutto il corpo rilassato, rivolto verso l’alto con le braccia e gambe divaricate e i palmi delle mani comodamente rivolte verso l’alto; questa posizione finale aiuta a rilassare l’intero sistema psico-fisico.

Secondo lo studio , la pratica va effettuata per almeno 12 settimane per un totale di 24 sedute, con i seguenti risultati portati: 82,8% delle partecipanti hanno avuto cicli mestruali regolari. Il 90,6% del i partecipanti ha avuto benefici nel ridurre i sintomi da sindrome premestruale. Sintomi premestruali moderati o gravi come, gonfiore addominale, al seno, crampi addominali, e sudorazione fredda, erano significativamente diminuiti dopo le 12 settimane di yoga.

Questi risultati suggeriscono che l’esercizio di yoga riduce efficacemente i sintomi da sindrome premestruale nei partecipanti; inoltre risulta utile anche per curare e prevenire squilibri ormonali, come dismenorrea, oligomenorrea, menorragia, metrorragia, e ipomenorrea.

Il consiglio

la pratica yoga risulta essere un trattamento sicuro e semplice per ridurre la gravità e la durata dei sintomi della dismenorrea e della sindrome premestruale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *